Vuoi una ricerca più completa? Scegli la ricerca avanzata


BIOTISER SHAMPOO 100 ML

BIOTISER SHAMPOO 100 ML

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Disponibilità: Disponibile

€ 12,35

 

Con questo prodotto guadagni 12 punti fedeltà 12 points = € 1,20.

Descrizione

Spedizioni e pagamenti

Tag prodotto

Richiedi informazioni

  • Lavarsi i capelli è molto importante.
    Non si si lavano i capelli con prodotti anonimi , reperibili in un qualsiasi banco di discount, magari aggressivi , dannosi per il cuoio capelluto , senza subirne le conseguenze.
    La cuticola del fusto pilare (molto fragile) diventa a scaglie, subendo una abrasione e riducendo i capelli a rugosi , difficilmente pettinabili , fragili al pettine ( si spezzano o si sgretolano ) , doppie punte alle estremità, cuoio capelluto arrossato e pruriginoso...

    Alla funzione principale dello shampoo, che è di pulire i capelli ed il cuoio capelluto (senza danneggiarli), si sono aggiunte progressivamente altre richieste:

    L'abbellimento dei capelli mediante un apporto di brillantezza (il principale rimprovero fatto al sapone e di rendere opaco e "spento" il capello con depositi di calcio e di magnesio che lo fanno sembrare polveroso), pur lasciando i capelli soffici e morbidi, "gonfi", facili da districare e da pettinare; Conferire morbidezza, volume ed elasticità ai capelli; Adattamento alla natura di ogni tipo di capelli: secchi, grassi, fini, fragili etc; Utilizzo in relazione a certi disturbi del cuoio capelluto (shampoo trattanti: antiforfora o antiseborrea) Adattamento alla frequenza dei lavaggi (shampoo "dolci" o delicati, per uso frequente.) QUALI SHAMPOO SCEGLIERE ?

    Nel momento dell'acquisto è necessario avere ben chiaro la prorpietà che si vuole richiedere ad uno shampoo e perchè usarlo.
    Molto spesso l'acquisto avviene sulla base del sapore e del colore, quando invece uno shampoo dovrebbe essere acquistato dopo una visita del cuoio capelluto da parte di un medico o di un centro tricologico.
    Avremo degli shampoo :

    1) Gli shampoo lavanti "classici"
    Sono gli shampoo familiari, economici, che hanno lo scopo di lavare bene i capelli.
    Contengono soprattutto tensioattivi anionici e cercano la loro personalità attorno ad un ingrediente naturale, vegetale o biologico.Il limite di questa tipologia di shampoo è la composizione stessa. infatti normalmente per mantenere un costo contenuto, soprattutto alla produzione, vengono utilizzate basi lavanti ed ingredienti economici, ed il risultato sul capello può; essere deludente se non dannoso.

    2) Gli shampoo cosmetici

    Correggere gli inconvenienti legati alla particolare natura dei capelli. Queste formulazioni devono essere un saggio equilibrio tra l'azione detergente (che lava il capello) e l'azione correttiva ( che corregge il difetto del capello).
    Avremo quindi shampo per capelli secchi, che ridanno dolcezza e facilità alle pettinature, per capelli grassi ,tendono a ritardare gli effetti di appesantimento legati al grasso dei capelli; capelli sottili che intendono garantire volume e mantenimento, per "capelli fragili" che danno brillantezza e morbidezza.

    3) Gli shampoo trattanti specifici e gli shampoo "anticaduta" (Biotiser shampoo)
    (da calvizie.net)
    Cercano di adattarsi ad un cuoio capelluto alterato, mediante aggiunta di molecole che hanno un azione "farmacologica" riconosciuta.

    Gli shampoo antiforfora

    L'eziopatogenesi della forfora fa intervenire una proliferazione eccessiva di microrganismi residenti, per cui uno shampoo antiforfora dovrà avere due qualità principali:-
    una reale attività battericida ed antimicotica una base lavante con potere lavante sufficiente per eliminare la forfora presente ma con dolcezza indispensabile per non aggredire ulteriormente l'epidermide già irritata. Gli additivi hanno reali virtù; antiforfora.
    gli shampoo contenenti catrami (ad esempio l'ottimo Neutrogena T-GEL), come l'olio di cade (catrame di legno di ginepro) o il catrame di carbone fossile vengono utilizzati per la psoriasi e la forfora del cuoio capelluto in quanto hanno una certa efficacia cheratolitica ed antipruriginosa. L'inconveniente del loro odore e del loro colore scompare dopo il risciacquo,
    Gli shampoo classici contengono amidi dell'acido undecilenico, sali di zinco o derivati di piridintione. L'octopyrox ha un attività paragonabile. Sono attualmente in commercio anche shampoo contenenti imidazolici (di cui la più; famosa e commercialmente fortunata contiene ketoconazolo: Nizoral 2% e Triatop 1% ) veicolati da eccipienti schiumogeni ma molto aggressivi per la cheratina.

    Gli shampoo antiseborroici
    Schematicamente, possono essere classificati in tre categorie
    Gli shampoo contenenti legno di Panama, detergente non ionico dolce, possono essere utilizzati dai soggetti aventi cuoio capelluto grasso. Hanno la fama di non danneggiare la cheratina pilare nè di provocare seborrea reattiva. Tuttavia, il loro carattere poco schiumogeno determina il rifiuto da parte dell'utente,
    Alcuni shampoo contengono agenti che tendono a rallentare la secrezione sebacea: abitualmente derivati dello zolfo e olio di cade.

    Gli shampoo "anticaduta" e/o "terapeutici" in tutta onestà va chiarito che non esistono veri e propri shampoo dalle virtù; anticaduta, certo è che validi prodotti commerciali per il trattamento della caduta di capelli, quali ad esempio Biotiser , Revivogen, Tricomin ecc., hanno associato al trattamento topico uno shampoo che richiama all'interno della propria formula i principali agenti di trattamento e dovrebbero avere lo scopo di "preparare" il cuoio capelluto al trattamento topico successivo.E' il caso del Biotiser shampoo, che è apprezzato da moltissimi utilizzatori, nella cui formula troviamo interessantissimi ingredienti anticalvizie quali Serenoa repens ( Saw palmetto ), matricaria camomilla , Biotina.....ed altro, ma che certo si fa apprezzare principalmente per il pregio e la delicatezza delle proprie basi lavanti.

    4) Le basi lavanti dolci
    Sono derivati non ionici del poliglicerolo con forte potere schiumogeno o non schiumogeno. La loro eccellente tollerabilità e la loro grande frequenza di utilizzo fanno sì che i disturbi dovuti al sebo non hanno il tempo di verificarsi
    Gli shampoo dolci: "per uso frequente" e "per bambini"
    La moda di questa serie va diffondendosi da parecchi anni in correlazione con il cambiamento dello stile di vita. Attualmente, il consumatore sente il bisogno di lavarsi spesso i capelli, due - tre volte alla settimana; questo può; essere dovuto all'inquinamento atmosferico delle grandi città, ad una seborrea importante, alla sudorazione legata alla pratica regolare di sport etc.La formulazione di questi shampoo meno detergenti dei precedenti, si basa sull'utilizzo di tensioattivi selezionati per la loro dolcezza e la loro assenza di aggressività nei confronti del capello, ma anche della cute e degli occhi, in particolare negli shampoo per bambini.

    5) Gli shampoo secchi
    Questi shampoo sono costituiti da una miscela di polveri (amido di riso o di mais, silice...) destinate ad assorbire il sebo e ad essere in seguito eliminate mediante un'energica spazzolatura.Di fatto non vengono più; utilizzati in quanto non hanno alcun potere pulente sul cuoio capelluto. Danno soltanto un'apparenza di pulizia.

    ________________________________________________________________________________________________
    Conclusioni.
    In definitiva, a meno che ci si trovi a dover affrontare una problematica o una patologia molto specifica, invitiamo a effettuare la scelta dello shampoo con molta cura, provando e alternando differenti shampoo, individuando quello che si adatta nel modo migliore ai nostri capelli, che lascia il nostro cuoio capelluto pulito senza aggredirlo, soprattutto dopo un uso prolungato.Pertanto quello che può; essere uno shampoo apprezzatissimo da molti, può; rivelarsi inadatto al nostro tipo di capello, oppure lo stesso shampoo che normalmente idrata e rende morbido sufficientemente i nostri capelli, dopo un prolungato uso di lozioni topiche alcoliche che hanno danneggiato e seccato il capello potrebbe rivelarsi insufficiente per reidratarlo in modo adeguato, e diventa quindi necessario uno shampoo con una più; profonda azione ristrutturante, oppure l'uso di un balsamo specifico.

    _____________________________________________________________________________________

    Come si utilizza Biotiser shampoo
    Biotiser va utilizzato a giorni alterni

    Prima Fase PRELIMINARE
    Spazzolare e pettinare i capelli: questa operazione serve per districare e sciogliere i nodi che impedirebbero il movimento delle dita e per togliere già una parte di impurità.

    Seconda Fase DETERGENTE
    Bagnare accuratamente la capigliatura in tutte le sue parti, facendo in modo che l'acqua penetri tra i capelli e bagni il cuoio capelluto.- Distribuire una prima quantità di shampoo cercando di collocarlo uniformemente su tutta la capigliatura.- Massaggiare delicatamente ma nello stesso tempo profondamente, muovendo dita e palmo della mano in senso rotatorio. Iniziate il massaggio dalla parte frontale, con entrambe le mani, per passare alle tempie e successivamente alla nuca. Attenzione a quest'ultima parte che, di solito, è quella che si sporca maggiormente. Ricordate che il massaggio deve essere eseguito sempre con i polpastrelli, evitando qualsiasi posizione in cui sia possibile graffiare con le unghie.- Non allarmarsi se in questa prima fase lo shampoo crea poca schiuma.- Terminato il massaggio, passare ad un abbondante risciacquo.

    Terza Fase CONDIZIONANTE
    Passare ad una seconda applicazione di shampoo, avendo cura di interessare maggiormente la cute.- Massaggiare ulteriormente per alcuni minuti, in modo da allungare i tempi sia di massaggio che di posa, in caso si trattasse di un trattamento particolare.- Risciacquare abbondantemente finchè il capello e la cute non presentano più; nessun residuo di schiuma.

    ________________________________________________________________________________________________

    Tollerabilità locale del Biotiser shampoo

    La messa a punto di uno shampoo implica prima di tutto la prova dei diversi agenti tensioattivi e del prodotto finito a tre livelli:
    1) I capelli. Lo shampoo non deve denaturare la cheratina. A questo riguardo, i tensioattivi anionici sono quelli meno tollerati.
    2) Gli occhi. Alcuni detergenti non si limitano ad irritare temporaneamente la congiuntiva (tensioattivi cationici) ma possono provocare una cheratite duratura.Il test di Draize sulla cornea del coniglio costituiva, fino a pochi anni fa, un obbligo legale.
    3) La cute del cuoio capelluto, della fronte e delle mani.
    Un'eccessiva detersione può; provocare disidratazione, prurito ed eritema dopo lo shampoo. E stata accusata di provocare seborrea reattiva, di favorire l'evoluzione di un'alopecia androgenica. Vengono effettuati dei patch test epicutanei per cercare eventuali effetti irritanti indesiderabili. Tra gli additivi, i conservanti, i coloranti ed i profumi devono essere accuratamente testati per verificare che non inducano alcuna dermatite allergica da contatto, alcuna fotosensibilizzazione o alcuna pigmentazione della linea di attaccatura del cuoio capelluto.

    ________________________________________________________________________________________________

    Trattamento combinato con shampoo Biotiser e compresse

    La possibilità di reperire sul mercato dei prodotti naturali una delle migliori associazioni di elementi utili alla ricrescita dei capelli ed al rallentamento della caduta , consente il trattamento combinato " locale + sistemico" attraverso la costante assunzione assunzione di Biotiser cpr .
    Biotiser compresse , unitamente allo shampoo, grazie ai suoi componenti , serenoa repens , biotina, acido pantotenico, miglio, cistina e metionina, partecipa attivamente al processo di rallentamento della caduta del capello da un lato , favorendone la ricrescita dall'altro.





    ATTENZIONE: LE IMMAGINI PRESENTI SUL SITO HANNO IL SOLO SCOPO DI PRESENTARE IL PRODOTTO E POTREBBERO DIFFERIRE DA QUANTO SPEDITO PER UN IMPROVVISO CAMBIO PACKAGING DA PARTE DEL PRODUTTORE


    Ulteriori informazioni

    Codice min san N/A
    Marchio Farmacia Facile
    Produttore N/A
    Prezzo di vendita suggerito N/A




    Commenti

    ti è piaciuto questo prodotto? Scrivi un commento e condividilo con i tuoi amici
  • I metodi di spedizione sul territorio italiano sono:
    Corriere Espresso GLS, SDA e Bartolini
    LA SPEDIZIONE E' SEMPRE GRATUITA

    In linea di massima la spedizione avviene non oltre 5 giorni lavorativi dalla ricezione del pagamento.
    Tuttavia i tempi di spedizione possono variare a seconda della disponibilità dei prodotti in magazzino. In caso di temporanea mancanza il prodotto richiesto verrà ordinato nel più breve tempo possibile e l'ordine rimarrà sospeso fino all'arrivo della marce ai nostri depositi.
    Alcuni dei nostri prodotti a catalogo potrebbero non essere realmente disponibili in magazzino a causa di problemi tecnici di aggiornamento delle giacenze o di non reperibilità presso i vari depositi farmaceutici. In tal caso riceverete nostra comunicazione e rimborso dei prodotti mancanti pagati anticipatamente.
    Per i pagamenti sono previsti i seguenti metodi:
    Paypal con la tua carta di credito (anche prepagata) o con il tuo conto paypal
    Bonifico bancario direttamente dalla tua banca
    Ricarica postepay in qualsiasi ufficio postale o dal tuo account online
    Contrassegno paga alla consegna (supplemento di euro € 4,00 anche per spedizioni gratuite)
    Vaglia postale in qualsiasi ufficio postale
    Sono possibili anche spedizioni verso i seguenti paesi:
    Spagna, Francia, Regno Unito e Germania
    il pagamento previsto è tramite Vaglia postale
    Per ulteriori informazioni o per spedizioni in paesi differenti contattaci via telefono, mail, chat o facebook
  • Contrassegnare i tuoi prodotti preferiti con delle etichette a tua scelta può aiutarti a ritrovare questi prodotti al tuo ritorno sul nostro sito
    nota bene: la pubblicazione dei tag avviene previa autorizzazione di un moderatore
    Tag prodotto


    Usa gli spazi per tag separati. Usa apostrofi singoli (') per frasi.